mmsr

arcobaleno_4

MMSR reporting solution è la piattaforma di Pegaso 2000 che informatizza l’intero processo di raccolta, validazione e inoltro dei dati previsti dalla normativa UE N° 1333/2014.

L’ IDEA

Il software MMSR:
•recepisce i dati provenienti dai segmenti di mercato per il quali è attiva la regolamentazione
•effettua un controllo di congruenza sulla data di riferimento
•effettua dei controlli di tipo «data quality» sulla base delle specifiche fornite da BCE
•predispone un flusso dati (xml) in linea con quanto previsto dagli adempimenti normativi
•recepisce autonomamente gli esiti provenienti da Banca d’Italia
•storicizza le informazioni trattate.

NORMATIVA

La Banca Centrale Europea, al fine di accertare le capacità e il funzionamento dei mercati monetari ha adottato il regolamento UE N° 1333/2014.
L’obiettivo è quello di raccogliere informazioni statistiche esaustive, dettagliate e armonizzate circa le condizioni e le attività dei mercati monetari nell’area dell’euro. A partire da aprile 2016, la BCE esaminerà i dati statistici sulle transazioni che coinvolgono l’euro. Al fine di aderire a tale disposizione, le banche centrali dei paesi europei faranno da collettore per questo tipo di informazioni.

OBIETTIVI

•Raggiungere una puntuale comprensione e una migliore sorveglianza del funzionamento dei mercati monetari e comprendere, nello specifico, le modalità di funding delle banche nei diversi segmenti.

•Fornire informazioni qualitativamente migliori e più tempestive circa i meccanismi di trasmissione della politica monetaria, nonché dare maggiori indicazioni sulle aspettative del mercato in merito alla traiettoria dei tassi ufficiali;

•Fornire maggiori informazioni agli operatori circa il funzionamento del mercato monetario, al fine di consentire una scelta più consapevole tra i vari tassi di riferimento.

TEMPI DI ATTUAZIONE

A partire da aprile 2016, la BCE esaminerà i dati statistici sulle transazioni che coinvolgono i seguenti mercati:
•Secured market
•Unsecured market
•Foreign Exchange Swap
•Euro Overnight Index Swap.

Fase 1
Luglio 2016 – Saranno coinvolte le 53 maggiori istituzioni creditizie dell’area euro, 6 delle quali sono italiane.

Fase 2
1 gennaio 2017 – Il numero degli enti segnalanti sarà incrementato secondo criteri di:
•Significatività su un determinato segmento di mercato
•Rilevanza per stabilità finanziaria
•Rappresentatività geografica.